OBBLIGO UTILIZZO MOTORI ELETTRICI CON EFFICIENZA IE3

04/01/2018

Moro S.r.l è in grado di fornire ventilatori industriali centrifughi e assiali corredati di motori elettrici ad alta efficienza energetica

La direttiva europea 2005/32/CE ha introdotto una metodologia generale di progettazione ecocompatibile dei prodotti che consumano energia, con effetto anche sui motori elettrici, la cui definizione di rendimento energetico è stata regolamentata a livello comunitario.

Il regolamento (EU) 4/2014 (che corregge il precedente (CE) 640/2009, già in vigore a partire dal 16 giugno 2011, data a partire dalla quale è stato reso necessario l’impiego di motori con classe di efficienza minima IE2) è applicabile a motori elettrici a induzione a gabbia, monofase e trifase, con frequenza 50 o 60 Hz, da 2 a 6 poli e potenza installata compresa tra 0.75 kW e 375 kW, venduti singolarmente o installati in altre apparecchiature.

Tali documenti prevedono l’estensione dell’obbligo, a partire dalla data del 1 gennaio 2017 di utilizzo, ai motori con potenza installata compresa tra 0.75 e 375 kW, di un livello minimo di efficienza IE3 (oppure IE2 se associati ad inverter).

Sono esclusi dalle prescrizioni sopra riportate i motori elettrici con le seguenti caratteristiche:

  • numero di poli superiore a 6;
  • tensione nominale superiore a 1000 V;
  • motori progettati per funzionare interamente immersi in un liquido;
  • motori completamente integrati in un prodotto per i quali non è possibile testare le prestazioni energetiche autonomamente dal prodotto;
  • motori auto frenanti;
  • motori progettati specificatamente per funzionamento:

a) ad altitudini superiori a 4000 m.s.l.m.;

b) a temperature superiori a 60°C o inferiori a -30°C;

c) a temperature massime di esercizio superiori a 400°C;

d) in atmosfere potenzialmente esplosive (Direttiva 2014/34/UE ATEX)

Lascia un commento

SOCIALE